Angelo Vergari protagonista al Bargello

vergari-ballett-compagnieContinua il Florence Dance Festival con la Compagnie Vergari Ballett e la prima assoluta di Movimenti.

La calda estate fiorentina si stempra tra gli antichi muri del Bargello che ospita, questa sera, la Compagnie Vergari Ballett con lo spettacolo Movimenti.
Ai lati del palcoscenico sono esposte delle piccole sculture in bronzo che fermano specifici movimenti di danzatrici/tori accoppiate ad alcune foto di passi e gesti che rivedremo nel corso dell’esibizione. Lo spettacolo è, infatti, un omaggio allo scultore Ghiorgo Zafiropulo – autore di molte opere dedicate alla danza.
Durante la performance, il nucleo centrale della coreografia mette a confronto la creazione, che nasce dalle mani che modellano la creta, con i movimenti dei danzatori che – partendo da uno spazio nullo – tentano, nella loro evoluzione, di rendere visibile, sempre in forma diversa, lo stesso atto creativo.
Il muro spoglio del Bargello fa da perfetto sfondo accogliendo le immagini che, di volta in volta, interagiscono i danzatori dal vivo. Silhouette che, ridotte a ombre stilizzate, rimandano – anche nei colori – ai bronzi, interagiscono con le ballerine sul palco, creando un secondo piano visivo che aumenta la profondità di campo dell’esibizione. Le luci, parte integrante dello spettacolo, tagliano i piani visivi, accarezzando, nella penombra, i danzatori oppure celandone l’ingresso nei cambi di scena. L’omaggio allo scultore si manifesta anche con momenti di follia, quando l’artista è alla ricerca di un’ispirazione che non arriva mai, tormentato da una gestazione difficile che si risolverà quando un involucro bianco, trascinato a forza sul palco, si trasformerà nella materia vivente del corpo del danzatore.
Le musiche, sempre molto attinenti alla coreografia – da quelle minimali di Michael Nyman, alle elaborazioni elettroniche della violinista Lindsey Stirling unite alla musica classica di Vivaldi e alle colonne sonore di altri autori – risultano un insieme compatto e decisamente funzionale. Ciò si nota particolarmente nelle esecuzioni corali che, da un incerto incipit, si trasformano in movimenti veloci che occupano completamente lo spazio scenico senza mai discostarsi dal tema musicale. Immagini di grande pathos che coinvolgono per le sonorità di sottofondo e catturano lo sguardo. Mentre la precisione nei movimenti è notevole sia negli assolo che nei passi a due o negli ensemble.
L’attimo colto e fermato, nella scultura, che diventa fluido alla ricerca di quel percorso che renda palpabile allo spettatore i sentimenti e i desideri che vi sono racchiusi, la voglia di incontrarsi e scambiarsi emozioni e progetti che, nelle sculture, possono solamente essere immaginati. Un’armonia di musica, luci e danza difficilmente apprezzabili – ultimamente – sui palcoscenici italiani.

Luciano Uggè

vergari-ballett-compagnie 

La performance ha avuto luogo
di Estate al Bargello. Edizione 2017
Museo Nazionale del Bargello

via del Proconsolo, 4 – Firenze
fino a giovedì 27 luglio
www.florencedancefestival.org

domenica 9 luglio, ore 21.30
Compagnie Vergari Ballett presenta:
Movimenti
omaggio a Ghiorgo Zafiropulo

coreografia Angelo Vergari
musiche originali Michael Nyman, Antonio Vivaldi, Lindsey Stirling, Roger Subirana, Scabater, Xcyril e Cross over
video Herve La vigne e Theo Lavigne
danzatori Marcos Marco, Clara Cafiero, Manoah Michelot, Andreas Grimaldier, Marion Pincemaille e Camille Lebesque

Share

I commenti sono chiusi.