Incontri Possibili

Pronta al via una nuova rassegna di incontri, ideata da Corrado d’Elia, che coinvolge i protagonisti del panorama sociale e culturale italiano.

La pandemia ancora in corso a primavera ha rallentato, se non completamente bloccato, molte attività e alcune di esse hanno dovuto attendere più di altre prima di poter ripartire. Il settore dello spettacolo è tra i più penalizzati, con troppi teatri e sale tutt’ora chiusi al pubblico, molti dei quali difficilmente riusciranno a riaprire per la Stagione 2020/21 per l’impossibilità – economica e architettonica – di adempiere alla nuove normative anti Covid.
Il 23 febbraio è arrivato lo stop dal Governo a debutti, repliche, presentazioni, tour, festival, rappresentazioni teatrali, proiezioni ed esibizioni all’aperto, vanificando mesi di preparazione di artisti, autori e maestranze. Eppure loro non si sono persi d’animo, hanno fatto appello alla creatività che li contraddistingue e dal salotto di casa – i più fortunati dal terrazzo – senza sovrastrutture ma obbligati a puntare solo sul proprio talento e sull’arte di arrangiarsi come gli attori delle vecchie compagnie di giro, hanno raggiunto i fan via web, accontentandosi di un Like invece del calore di un applauso.
In un momento di crisi il mondo dell’arte e della cultura – inteso in ogni sua possibile accezione – si è messo in gioco per fornire un servizio fondamentale alla popolazione: ha fatto compagnia e distratto le persone da notizie che sembravano bollettini di guerra e ne alimentavano le paure, fornendo spunti di riflessione, di lettura e di crescita interiore. Le iniziative più interessanti tra quante proposte sono state quelle che hanno puntato sul meticciamento di generi, linguaggi e generazioni, riuscendo tra l’altro a coinvolgere crescenti fasce di pubblico. Un riuscito esempio è Racconti in tempo di peste, 100 appuntamenti curati da Sergio Maifredi e Corrado d’Elia, prodotti da Teatro Pubblico Ligure e Compagnia Corrado d’Elia, in cui artisti  e intellettuali si sono alternati nel proporre una storia, personale o presa in prestito dalle pagine di libri, affinché si potesse trarre spunto dal passato per affrontare il presente.
Corrado d’Elia lancia ora un nuovo progetto con Teatri Possibili, l’associazione culturale da lui fondata nel 1995: Incontri Possibili. Tracciati, prospettive, visioni. L’arte e la cultura gratuite al tempo della peste. È una rassegna di dibattiti a cadenza mensile che invita i protagonisti della contemporaneità che abbiano voglia di aprirsi e raccontare di sé, analizzare lo stato dei fatti e proporre visioni strategiche per supportare lo spettacolo, in particolare, e la cultura, in senso lato. Il tutto a titolo gratuito quale contributo degli organizzatori alla ripresa.
Una volta ancora d’Elia unisce le proprie forze a quelle dei colleghi per far quadrato contro una crisi che attualmente è più economica che sanitaria e colpisce non solo teatri e compagnie ma anche il pubblico. Gli Incontri Possibili si prospettano come un brain storming collettivo trasmesso in diretta streaming, trasformando una piattaforma web in un moderno palcoscenico da cui sia possibile dialogare in tempo reale con gli spettatori sebbene distanti fisicamente.
A inaugurare gli Incontri Possibili è stata scelta Grazia Di Michele (16 ottobre), un’indiscussa protagonista della scena musicale italiana che sin dagli esordi come cantautrice racconta il mondo intorno a sé e dà dare voce alle parti più deboli. Lei con Clichè (1978), l’album d’esordio da solista, donna in un ambito allora prettamente maschile, non si sottrae al suo dovere e  fa da cassa di risonanza alle battaglie sociali in corso. Un approccio che Grazia non ha mai abbandonato e adotta anche per l’altra sua professione di terapeuta, in cui la musica diventa un ponte per stabilire il contatto con il paziente ed esplorarne le origini del disagio. A discutere con lei Corrado d’Elia e Gianni de Berardinis, personaggio poliedrico, noto conduttore radiotelevisivo ma anche produttore discografico.
Sul sito di Teatri Possibili sono pubblicate tutte le indicazioni per partecipare al dibattito e non essere solo meri spettatori.

Silvana Costa

Gli incontri saranno trasmessi:
sui canali Facebook, Youtube e Instagram di Teatri Possibili
sul sito verranno di volta in volta comunicati i collegamenti e le indicazioni per partecipare, di presenza o da remoto
orario: 19.00
www.teatripossibili.it

Incontri Possibili
Tracciati, prospettive, visioni.

L’arte e la cultura gratuite al tempo della peste
organizzati dall’Associazione Teatri Possibili
da un’idea di Corrado d’Elia

Programma:
16 ottobre
Grazia Di Michele
cantautrice, chitarrista, musicoterapeuta, scrittrice, conduttrice radiofonica, coach di talent televisivi
in dialogo con Corrado d’Elia, Gianni de Berardinis

13 novembre
Oscar di Montigny
Autore, Chief Innovability & Value Strategy Officer presso Banca Mediolanum, fondatore del movimento “Be Your Essence”

20 novembre
Ludovico Bessegato
Regista e produttore creativo della serie Skam Italia, di Netflix

 
12 dicembre
Antonio Latella
Regista e direttore della Biennale di Venezia Teatro           

8 gennaio
Emilio Previtali
Sciatore, avventuriere, storyteller, atleta North Face

5 febbraio
Matteo Caccia
Autore, storyteller, podcaster per Rai e Radio24

5 marzo
Paola Barbato
Sceneggiatrice di fumetti e autrice di diversi romanzi

7 maggio
Giovanni Gastel
Uno dei più grandi fotografi viventi, nipote di Luchino Visconti, partner della Triennale di Milano, presidente dell’Associazione Fotografi, lavora quotidianamente per la moda, la pubblicità̀, il design

Share
Questa voce è stata pubblicata in 2020/21, eventi in corso e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.