MTM | Stagione 2018/19

“I colori del teatro” è lo slogan scelto da Manifatture Teatrali Milanesi per presentare la Stagione 2018/19 e ben descrive la pluralità di generi che si alterneranno sui palcoscenici di Teatro Litta, Teatro Leonardo e Sala Cavallerizza.

Come i colori si compongono nell’arcobaleno per stupire gli osservatori ben più di quanto accadrebbe se si mostrassero singolarmente, cosi le compagnie confluite sotto la sigla di MTM, pur proseguendo percorsi di ricerca individuali, traggono vantaggio dal continuo confronto.
Iniziamo dunque la nostra panoramica sulla Stagione 2018/19 del Teatro Litta – inclusa la Sala Cavallerizza – e del Teatro Leonardo focalizzandoci sulle nuove produzioni targate Manifatture Teatrali Milanesi inserite in Calendario. Incuriosisce Lie Detector (La verità è un delitto) (15/25 novembre) che, ad ascoltare le anticipazioni svelate da Valeria Cavalli e Filippo Renda, i due autori, si configura più come un esperimento sociologico e psicoanalitico che come una convenzionale rappresentazione teatrale. A Renda, presente anche in scena, l’onere di interrogare con piglio poliziesco Roberta Rovelli e al pubblico l’arduo compito di capire se l’imputata sia una bugiarda patologica o una vittima innocente.
Valeria Cavalli, in coppia questa volta con Claudio Intropido, nei mesi successivi dirige Quelli di Grock impegnati nel debutto di Beata gioventù (9/10 febbraio), una pièce incentrata sul conflitto generazionale tra padre e figlia. La pirotecnica compagine è sul palco del Teatro Leonardo anche con la riproposizione del sempre amato Fuori misura. Il Leopardi come non ve l’ha mai raccontato nessuno (7/8 febbraio) con Andrea Robbiano e con il ritorno de L’avaro (11 dicembre/13 gennaio) di Molière allestito nell’originale quanto inconfondibile maniera di Grock.
Nelle stanze di Palazzo Litta Antonio Sixty dedica a un gruppo ristretto di spettatori Rooms For Secrets (primavera 2019), una serie di performance site specific ispirate ai testi di Michele Zaffarano. Il progetto si inserisce nel filone di ricerca espressiva compiuta dal regista a partire dagli anni Settanta, contaminando la scrittura con l’arte, il linguaggio del corpo e quello verbale.
Alla Cavallerizza si rappresenta il poetico Anna K. Una vivisezione di me (17 gennaio/27 febbraio), liberamente ispirato ad Anna Karenina di Lev Tolstoj: una donna, in procinto di essere investita da un treno in corsa, trova finalmente la forza per dire quanto taciuto nel corso dell’intera vita sia per incapacità propria sia per mancanza d’attenzione da parte degli interlocutori. Lo spropositato quantitativo di parole non dette che pesano sull’anima di ciascuno di noi è l’oggetto anche di Conversazione con la morte (19/31 marzo), un breve testo scritto da Giovanni Testori nel 1978 dopo la morte della madre, portato in scena da Mino Manni. Il regista dirige anche Cleopatràs (5/10 marzo), un caposaldo della produzione teatrale dell’autore meneghino.
Segnaliamo inoltre il ritorno de Il venditore di sigari (23/27 gennaio) di Amos Kamil, il toccante scontro dialettico tra due sopravvissuti a bombardamenti e campi di sterminio, ambientato nel 1947 a Berlino. A giugno largo allo humor inglese di Alan Ayckbourn con Sinceramente bugiardi (9 giugno/6 luglio), grande successo della precedente Stagione, diretto da Pietro De Pascalis e interpretato da Gaetano Callegaro, Francesco Errico, Guenda Goria e Maria Teresa Ruta.
Sono numerose le compagnie ospiti del Teatro Litta, in alcuni casi, come con Teatro del Simposio si tratta di un appuntamento ormai consolidato all’insegna della rilettura dei grandi classici: a novembre presenteranno Così è (forse) (6/11 novembre), la riscrittura del pirandelliano Così è se vi pare in cui l’azione viene trasposta all’interno di una galleria d’arte. Con Luigi Pirandello e la tematica della verità si confronta anche Alberto Oliva ne Il fu Mattia Pascal. L’uomo che visse due volte (10/20 gennaio).
Le cinque maschere protagoniste di Alice (27 novembre/2 dicembre) – la produzione di Occhisulmondo ispirato all’opera di Lewis Carroll – mostreranno al pubblico il magico mondo che si estende oltre lo specchio e disquisiranno di mascherazione e finzione, di realtà e svelamento. C’è attesa per assistere a Schianto (14/24 febbraio), il surreale viaggio in taxi proposto dalla Compagnia Oyes applaudito a ciascuno dei festival cui ha partecipato in questi mesi estivi.
Se ancora ci fosse chi non ha visto il pluripremiato La merda segnaliamo che lo spettacolo tornerà in scena al Teatro Leonardo dal 28 febbraio al 2 marzo accompagnato dal nuovo Happy Hour (3 marzo) – sempre scritto da Cristian Ceresoli – con Stefano Cenci nei panni di Kerfuffle e Silvia Gallerano in quelli della sorellina Aldo protagonisti di una tragedia moderna, brulicante di  persone disposte a tutto pur di difendere il proprio entusiasmo.
Al Leonardo è anche possibile vedere recitare dal vivo nomi noti al grande pubblico come Giacomo Poretti del trio Aldo Giovanni e Giacomo, autore e interprete di Fare un’anima (15/25 novembre), e Francesco Mandelli protagonista del sarcastico monologo Proprietà e atto (14/17 febbraio) di Will Eno che riflette sul segno che lasciano le parole nella memoria di ciascuno.
Spazio alle note con La Rimbamband diretta da Gioele Dix in Manicomic (14/24 marzo), una versione comica/teatrale/musicale di Qualcuno volò sul nido del cuculo, e con Smack! Il musical. Bacia chi ti pare! (28 marzo/14 aprile), un musical interamente scritto e prodotto in Italia che porta in scena con delicatezza le vicende di quattro amici gay intenti ad affrontare una tenera storia d’amore che travalica generi ed etichette, la difficoltà di fare outing con i genitori, episodi di omofobia manifesta e il controverso rapporto con i social media.
Nella Stagione 2018/19 MTM rinnova l’appuntamento con le produzioni internazionali grazie a due titoli dall’alto tasso di comicità: Potted Potter. Tutti i libri di Harry Potter in soli 70 minuti! (12 ottobre/4 novembre) che vede sul palco due soli attori, Mario Finulli e Davide Nebbia, cimentarsi con le pirotecniche avventure del celebre maghetto e Che disastro di commedia (17/27 gennaio), un’opera applauditissima nonostante sia segnata da attori che scordano le battute, scene che crollano e oggetti collocati sistematicamente nel posto sbagliato.
A Corrado d’Elia, artista tra i più amati dal pubblico milanese, è conferito il compito di  chiudere la Stagione al Teatro Leonardo con il debutto di Io, Vincent Van Gogh (9/19 maggio). Il monologo, incentrato sulla tormentata biografia del pittore più amato e più incompreso della storia dell’arte, è preceduto dalla ripresa dell’onirico Don Chisciotte (27 novembre/2 dicembre) tratto dal romanzo di Miguel de Cervantes.
Potremmo dire che, come in gelateria, ce n’è per tutti i gusti perciò suggeriamo indubbiamente di segnare in agenda le opere  più in linea con le proprie inclinazioni ma anche di osare e lasciarsi tentare da generi inconsueti.

Silvana Costa  

Gli spettacoli andranno in scena:
Teatro Litta
corso Magenta, 24 – Milano
Teatro Leonardo
via Ampère, 1 – ang. piazza Leonardo da Vinci – Milano
www.mtmteatro.it

Stagione 2018 – 2019
I colori del teatro
Manifatture Teatrali Milanesi
Teatro Litta Quelli di Grock Associati

GLI SPECIALI MTM
28/30 settembre e 5/7 ottobre
HORS
 
novembre/marzo
Apache V
 
primavera 2019
Rooms For Secrets
 
16 e 30 gennaio, 13 e 27 febbraio, 13 e 27 marzo, 17 aprile
Contenuti Zero Varietà
 
2/7 ottobre
God Save The King
elaborato finale dei neodiplomati di Grock Scuola di Teatro
 

TEATRO LITTA
18/28 ottobre
L’insonne
liberamente tratto da Ieri di Agosta Kristof
regia Claudio Autelli
con Alice Conti, Francesco Villano
produzione Lab 121

6/11 novembre
Così è (forse)
da Luigi Pirandello
regia Francesco Leschiera
con Ettore Distasio, Andrea Magnelli, Camilla Violante Scheller, Alice Bignone, Anahì Traversi, Ermanno Rovella
produzione Teatro del Simposio

15-25 novembre
Lie Detector (La verità è un delitto)
di  Valeria Cavalli, Filippo Renda
regia Filippo Renda
con Filippo Renda, Roberta Rovelli
produzione Manifatture Teatrali Milanesi

27 novembre/2 dicembre
Alice
drammaturgia Daniele Aureli, Massimiliano Burini
regia Massimiliano Burini
con Matteo Svolacchia, Daniele Aureli, Amedeo Carlo Capitanelli, Stefano Cristofani, Riccardo Toccacielo
produzione Occhisulmondo

18/23 dicembre
Romeo e Giulietta
L’amore fa schifo ma la morte di più
testi di Beppe Salmetti, Guglielmo Shakespeare
drammaturgia e regia Cecilia Ligorio
con Beppe Salmetti, Simone Tangolo
produzione gli Impermeabili

10/20 gennaio
Il fu Mattia Pascal
L’uomo che visse due volte
di Luigi Pirandello
regia Alberto Oliva
con Mino Manni, cast in via di definizione
produzione I Demoni/Teatro De Gli Incamminati

23/27 gennaio
Il venditore di sigari
di Amos Kamil
regia Alberto Oliva
con Gaetano Callegaro, Francesco Paolo Cosenza
produzione Manifatture Teatrali milanesi

5/10 febbraio
Andy Warhol Superstar
ideazione e regia Laura Sicignano
con Irene Serini
produzione Teatro della Tosse – Fondazione Luzzati  in coproduzione con Teatro Cargo

14/24 febbraio
Schianto
ideazione e regia Stefano Cordella
con Francesca Gemma, Dario Merlini, Umberto Terruso, Fabio Zulli
produzione Compagnia Oyes

14/24 marzo
Circeo
Il massacro
regia e ideazione di Filippo Renda
con Michele Di Giacomo e cast in via di definizione
produzione Teatro delle donne/Alchemico Tre

1/31 marzo
Rooms for secrets
progetto performance/teatro site specific di Antonio Syxty
scritto da Michele Zaffarano
produzione Manifatture Teatrali Milanesi

6/12 maggio
Tutto quello che volete
regia Fabrizio Visconti
con Emanuele Arrigazzi, Rossella Rapisarda
produzione Eccentrici dadarò

9 giugno/6 luglio
Sinceramente bugiardi
di Alan Ayckbourn
regia Pietro De Pascalis
primo Spettatore Antonio Syxty
con Gaetano Callegaro, Francesco Errico, Guenda Goria, Maria Teresa Ruta
produzione Manifatture Teatrali Milanesi

 

LA CAVALLERIZZA
17 gennaio/27 febbraio
Anna K
Una vivisezione di me
liberamente ispirato ad Anna Karenina di Lev Tolstoj
di e con Debora Virello
primo spettatore Simona Gonella
produzione Manifatture Teatrali Milanesi

5/10 marzo
Cleopatràs
di Giovanni Testori
regia Mino Manni
con Marta Ossoli
produzione Manni/Ossoli

19/31 marzo
Conversazione con la morte
di Giovanni Testori
regia Mino Manni
con Gaetano Callegaro
produzione Manifatture Teatrali Milanesi

 

TEATRO LEONARDO
12 ottobre/4 novembre
Potted Potter
Tutti i libri di Harry Potter in soli 70 minuti!
di Daniel Clarkson, Jefferson Turner
regia Richard Hurst
con Mario Finulli, Davide Nebbia
Show Bees, Glynis Henderson Productions e Potted Productions

6/11 novembre
Fame mia
liberamente tratto da Biografia della Fame di Amélie Nothomb
regia di Serena Sinigaglia 
con Annagaia Marchioro
AGIDI produzione

15/25 novembre
Fare un’anima
di e con Giacomo Poretti
regia Andrea Chiodi
produzione AGIDI

27 novembre/2 dicembre
Don Chisciotte
di Miguel de Cervantes
testo, progetto e regia Corrado d’Elia 
con Corrado d’Elia
produzione Compagnia Corrado d’Elia

11 dicembre/13 gennaio
L’avaro
da Molière
regia Valeria Cavalli, Claudio Intropido
con Pietro De Pascalis, Jacopo Fracasso, Cristina Liparoto, Sabrina Marforio, Roberta Rovelli, Andrea Robbiano, Simone Severgnini, Clara Terranova
produzione Manifatture Teatrali Milanesi

16+30 gennaio, 13+27 febbraio, 13+27 marzo, 17 aprile
Contenuti zero varietà
ideato, scritto e interpretato da Lorenzo Attanasio, Bruno Bassi, Valentina Cardinali, Andrea Delfino, Carlo Amleto Giammusso, Tano Mongelli, Giuseppe Scoditti
regia Pablo Solari

17/27 gennaio
Che disastro di commedia
di Henry Lewis, Jonathan Sayer e Henry Shields
regia Mark Bell
con Alessandro Marverti, Yaser Mohamed, Marco Zordan, Luca Basile, Viviana Colais, Stefania Autuori, Valerio Di Benedetto e la partecipazione di Gabriele Pignotta
produzione AB Management

1/2 febbraio
Igiene dell’assassino
dal romanzo di Amélie Nothomb
adattamento e regia Sergio Ferrentino
produzione Fonderia Mercury
audiodramma in scena
 
7/8 febbraio
Fuori misura
Il Leopardi come non ve l’ha mai raccontato nessuno
di Valeria Cavalli
regia Valeria Cavalli, Claudio Intropido
con Andrea Robbiano
produzione Manifatture Teatrali Milanesi

9/10 febbraio
Beata gioventù
di Valeria Cavalli
regia Valeria Cavalli, Claudio Intropido
con Andrea Robbiano, Claudia Veronesi
produzione Manifatture Teatrali Milanesi

14/17 febbraio
Proprietà e atto
di Will Eno
con Francesco Mandelli
regia Leonardo Lidi
produzione La Corte Ospitale/BAM Teatro

28 febbraio/2 marzo
La merda
di Cristian Ceresoli
con Silvia Gallerano
produzione Frida Kahlo Productions
con Richard Jordan Productions
in collaborazione con Summerhall (Edinburgh) e Teatro Valle Occupato (Roma)

3 marzo
Happy Hour
di Cristian Ceresoli
con Silvia Gallerano & Stefano Cenci
regia di Simon Boberg
una co-produzione Italia/UK/Danimarca con Frida Kahlo Productions (Milano, London), Teatro Metastasio (Prato), Teater Grob (Copenhagen) con Il Funaro (Pistoia) e Richard Jordan Productions (London)

14/24 marzo
Manicomic
di Raffaello Tullo
La Rimbamband: Raffaello Tullo, Rentao Ciardo, Nicolò Pantaleo, Francesco Pagliarulo, Vittorio Bruno
regia Gioele Dix
produzione Rimbamband

28 marzo/14 aprile
Smack! Il musical
Bacia chi ti pare!
libretto e liriche Tobia Rossi
regia Manuel Renga
musiche Francesco Lori
produzione Trublu

9/19 maggio
Io, Vincent Van Gogh
testo, progetto e regia di Corrado d’Elia
con Corrado d’Elia
produzione Compagnia Corrado d’Elia

Share
Questa voce è stata pubblicata in 2018, 2019, eventi in corso, festival&stagioni, Milano, Teatro Leonardo, Teatro Litta e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.