Parola e musica

julien-gobinPietrasanta. Lunedì 17 dicembre, nel Salone dell’Annunziata, si è svolta un’interessante iniziativa a fini solidali con un incontro sul tema della comunicazione e un recital con testi di Pirandello, Heidegger, Levinas, Freud, Nietzsche, Dickinson e la chitarra flamenca di Julien Gobin. Continua a leggere

Share

Cous Cous Klan

cous-cous-klan-2Tra alcuni dubbi e tante risate debutta a Milano l’ultima produzione di Carrozzeria Orfeo, una delle più interessanti – e dissacranti – compagnie teatrali contemporanee. Continua a leggere

Share

PhotoLux 2017 giunge alla meta

Ultimi due percorsi nell’universo della fotografia. All’ex Cavallerizza di Lucca sono esposte alcune interessanti personali al femminile; e nella Chiesa dei Servi il lavoro del vincitore del PhotoLux Award 2017 sul tema del Mediterraneo, Domingo Milella; oltre alla serie Land of no-return del vincitore del Leica Oskar Barnack Award 2017 Newcomer, Sergey Melnitchenko. Continua a leggere

Share

PhotoLux 2017. Obiettivo migranti

ermanno-reaIniziamo il percorso all’interno della ricchissima offerta delle mostre fotografiche, in questi giorni a Lucca, con i vincitori del World Press Photo 2017 e la bella collettiva sul tema delle migrazioni – di ieri come di oggi. Continua a leggere

Share

Palco Off al Libero

come-un-granello-marco-costantinoAl via la terza edizione della rassegna teatrale dedicata alla Sicilia con Come un granello di sabbia, un monologo dalle tinte drammatiche che affronta il problema della giustizia deviata. Continua a leggere

Share

Picasso. Lo studio come processo creativo

picasso-genova-11La bella mostra dedicata al maestro malagueño, fino a maggio negli spazi di Palazzo Ducale a Genova, offre uno spaccato del lavoro di Picasso attraverso i quadri che scelse di non vendere e che accompagnarono il suo cammino nei tanti atelier che occupò nella sua lunga carriera. Continua a leggere

Share

L’importanza di chiamarsi Ernesto

limportanza-di-chiamarsi-ernesto-1Ferdinando Bruni e Francesco Frongia portano in scena un nuovo allestimento del capolavoro di Oscar Wilde. La scelta di un cast brioso e una scenografia minimale consentono loro di sviscerare la miriade di potenzialità di uno dei testi teatrali più amati di sempre. Continua a leggere

Share