Tamara De Lempicka e la musica

Il sogno continua: dopo Torino, la ricca mostra che ripercorre la straordinaria vita della pittrice è allestita a Verona, nel museo dedicato all’opera lirica.

La mostra a cura di Gioia Mori su Tamara De Lempicka, errante come l’artista di cui racconta la vita e le opere, dopo Torino fa tappa a Verona. Nella città scaligera è ospitata nelle sale del Piano Nobile di Palazzo Forti, sede di AMO – Arena Museo Opera, il Museo della Fondazione Arena di Verona dedicato all’opera lirica, disciplina vanto dell’arte italiana. In questo nuovo contesto, le musiche ispirate alle fasi della vita di Tamara De Lempicka, che a Palazzo Chiablese facevano da appena percettibile sottofondo alla visita, assurgono a elemento imprescindibile della narrazione, per ricreare il clima di gioiosa mondanità che circondava l’artista.
Un appuntamento impedibile: nelle sale sono esposti circa 200 pezzi olii, disegni, fotografie, acquerelli, video e abiti per raccontare la straordinaria esistenza di colei che seppe trasformare la propria vita in una vera e propria opera d’arte.

Questa la recensione della tappa torinese dell’esposizione.

La mostra continua:
AMO Arena Museo Opera
Palazzo Forti
via Massalongo 7 – Verona
fino a domenica 31 gennaio 2016
orari lunedì 14.30–19.30; da martedi a domenica 9.30–19.30
il servizio di biglietteria termina un’ora prima della chiusura

www.arenamuseopera.com
 
Tamara De Lempicka
a cura di Gioia Mori
con il sostegno di Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio per le Province di Verona, Rovigo e Vicenza

con il patrocinio di Comune di Verona
promossa da Fondazione Arena di Verona
prodotta e organizzata da Arthemisia Group e 24 ORE Cultura – Gruppo 24 Ore
www.mostratamara.it
 
Catalogo:
Tamara De Lempicka
a cura di Gioia Mori
24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE, 2015
28×32 cm, 320 pagine, 200 illustrazioni, cartonato
prezzo 42,00 Euro
www.24orecultura.com

Share
Questa voce è stata pubblicata in pittura&scultura, Verona e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.