Aspettando Castiglioncello

Manca poco più di una settimana alla partenza della nuova edizione di Inequilibrio Festival. Per i nostri lettori, una scorsa panoramica.

Castiglioncello. Castello Pasquini aspetta l’estate. Aspetta il grido, il lampo, quel gesto un po’ isterico della mano che dirà: «Ecco: ci siamo», e lo farà tremare.
Per chi ancora non conoscesse Inequlibrio, possiamo ricordare che la manifestazione nacque nel 1998 quando Armunia, associazione per il connubio tra arti contemporanee e luoghi atemporali, decise di stabilirsi in pianta fissa al Castello e dare cadenza annuale ai suoi progetti creativi.
L’edizione 2018 prenderà giugno alle spalle, iniziando martedì 19. Lo spazio è poco, saremo brevi: cinquantadue gli spettacoli, ottantadue le repliche; quindici le prime, con ritmi di almeno tre performance quotidiane – escludendo i boom del weekend. Una sequenza di spettacoli di danza e prosa fino a domenica 8 luglio, con solo qualche giorno di pausa.
Un Festival prezioso, con le finestre spalancate sul mare, e col consueto dispiegarsi del panorama internazionale. Quest’anno, per la danza, è la volta del Medio Oriente. Focus Young Mediterranean and Middle East Choreographers 2018 – una produzione dell’Institut Français Italia porta in scena artisti libanesi, marocchini, iraniani; il tutto con le prevedibili tematiche di libertà e dignità sociale, in reazione ai disordini e alle repressioni tradizionali – e nel caso di Sina Saberi, da un Iran che vieta la danza, lo stesso atto puro è espressione prometeica. E se con Aurora (Meytal Blanaru) si affrontano i dolori e gli abusi su di una bambina; Ivo Dimchev, ospite speciale dalla Bulgaria, porta in scena un gioco di provocazioni dal gusto spiccatamente panico, con intersezioni tra danza, teatro, performance e arti visive, e il vivo invito a non portare minorenni. Uno spazio particolare per le produzioni di due artisti distinti, Daniele Ninarello (danzatore e coreografo) e Rita Frongia (drammaturga, regista e attrice).
Da Prato, dove ha debuttato con Belve, Massimiliano Civica torna a un appuntamento ormai fisso, replicando al Castello l’opera di Pirozzi. Porta con sé una giovane promessa, Carmelo Alù, che con la regia di Cani Morti giunge sugli spalti selezionato nell’ambito del progetto Davanti al pubblico, ideato dal Teatro Metastasio per favorire l’emersione dei neodiplomati del settore. Altri nomi già noti a chi ha esperito il Festival saranno quelli di Oscar De Summa – che torna a sventolare la viva carnalità dei rioni meridionali in Soul Music-Dal Lato Opposto; Fortebraccio Teatro, che rielaborerà i Sei Personaggi di Pirandello; e Antonella Questa, che ha concepito Infanzia Felice in seno ad Armunia.
Più nera la Compagnia Frosini Timpano, con Les Epoux, uno squarcio di luce sulla coppia Ceausescu. Mentre I Sacchi di Sabbia scelgono di offrire il braccio al pathos di Andromaca, e ancora a De Summa va la drammaturgia de L’ospite, per la regia di Ciro Masella. Nel frattempo il Festival costruisce forti legami con la corrente performativa francese, ospitando Giusto la Fine del Mondo, dall’opera di Jean Luc Lagarce.
E ancora, assisteremo al paradosso tragico di Amleto Take Away, sagace sarcasmo sulla società odierna della Compagnia Berardi Casolari; e alla vena surrealista incarnata da Schianto, della Compagnia Oyes.
L’elenco sarebbe ancora lungo, con monologhi, alternati a performance di danza e prosa, tutto all’insegna dell’identità, tema centrale del Festival per questo 2018, cui si accompagna l’idea di quanto l’animale umano sia fragile e incline a cadere – il tutto esemplificato dalla tenera immagine pilota, che ruota attorno al trasandarsi di un Icaro ammaccato, circondato da uova rotte, anticipatrici del volo che fallirà.
Appesi come pendant alla catena di eventi, diversi convegni e presentazioni, a partire dall’intervista a Sina Saberi sulla tradizione iraniana (martedì 19 giugno), mentre di danza in sé e per sé si parlerà il 27 giugno, con Rossella Battisti, Marilù Buzzi e Silvia Poletti. E ancora libri in presentazione ad arricchire giornate e serate di un Festival di tutto rispetto, che anche quest’anno vanterà un cartellone incredibilmente ricco.

Sharon Tofanelli

Inequilibrio Festival 2018
Castello Pasquini
varie location all’interno del Parco
Castiglioncello (LI)
dal 19 giugno all’8 luglio
https://armunia.eu

Il Cartellone:
martedi 19 giugno
ore 10.00
Corso su Tradizioni e Cultura del Medioriente
Raccontare un mondo tra informazioni e pregiudizi

ore 18.30
Francesco Pennacchia presenta:
Il Custode

ore 20.00
L’Uomo di fumo presenta:
Bolle di Sapone

ore 21.30
Ilaria Drago presenta:
Migrazione. Cambiare la fine
Senza confini Antigone non muore

ore 22.30
Ivo Dimchev (Bulgaria) presenta:
Live Solo Concert
(V.M. 18)

mercoledì 20 giugno
ore 16.00
Presentazione del libro di Anna Maria Monteverdi:
Memoria, maschera e macchina nel teatro di Robert Lepage

ore 19.00
Ilaria Drago presenta:
Migrazioni. Cambiare la fine
Senza confini Antigone non muore

ore 21.15
Lanza/De Carolis presentano:
Suzanne

ore 22.30
Guido Di Leone presenta:
Standards on Guitar Solo

Per il Focus Young Mediterranean And Middle East Choreographers 2018:
ore 18.00
Sina Saberi (Iran) presenta:
Damnoosh

ore 20.30
Sina Saberi (Iran) presenta:
Prelude to Persian Mysteries

giovedì 21 giugno
ore 19.00
Lanza/De Carolis presentano:
Suzanne

ore 22.30
Ivo Dimchev (Bulgaria) presenta:
P-Project
(V.M. 18)

Per il Focus Young Mediterranean And Middle East Choreographers 2018:
ore 18.00
Sina Saberi (Iran) presenta:
Damnoosh

ore 20.00
Sina Saberi (Iran) presenta:
Prelude to Persian Mysteries

ore 21.00
Radouan Mriziga (Marocco) presenta:
55

venerdi 22 giugno
ore 19.00
Pilar Terneradi presenta:
Scene di Libertà

ore 22.00
Quotidiana.com
Prima che arrivi l’eternità

Per il Focus Young Mediterranean And Middle East Choreographers 2018:
ore 21.00
Radouan Mriziga (Marocco) presenta:
55

sabato 23 giugno
ore 18.00
Schianto
Compagnia Oyès

ore 19.00
Quotidiana.com presenta:
Prima che arrivi l’eternità 

ore 21.00
Massimiliano Civica presenta:
Belve

ore 22.30
Ciro Masella presenta:
L’ospite

domenica 24 giugno
ore 11.00
CURARE IL TEATRO. Il “laboratorio permanente” di Maurizio Lupinelli ad Armunia

ore 18.30
Ciro Masella presenta:
L’ospite
 
ore 21.00
Massimiliano Civica presenta:
Belve
 
ore 22.30
Nerval Teatro presenta:
Sinfonia Beckettiana

Per il Focus Young Mediterranean And Middle East Choreographers 2018:
ore 20.00
Bourgeois-Z
coreografia e concept Jadd Tank
con Nora Alami e Jadd Tank (Libano/Marocco)

martedì 26 giugno
ore 19.00
Oyes presenta:
Schianto

ore 21.15
Daniele Albanese presenta:
Von

ore 22.30
Sirna/Pol presenta:
I Giardini di Kensington

Per il Focus Young Mediterranean And Middle East Choreographers 2018:
ore 20.30
Bourgeois-Z
coreografia e concept Jadd Tank
con Nora Alami e Jadd Tank (Libano/Marocco)

mercoledì 27 giugno
ore 9.00-13.00 / 15.00-17.00</em >
La critica di danza uno sguardo in trasformazione. Teoria e pratica

ore 18.00
Sirna/Pol presenta:
I giardini di Kensington

Per la personale dedicata a Rita Frongia:
ore 19.15
La vita ha un dente d’oro

ore 20.30
Amor Vacui presenta:
Intimità

ore 21.45
Dot 504 (Rep. Ceca) presenta:
Family Journey

ore 23.00
Compagnia Garbuggino/Ventriglia presenta:
‘O PESCE PALLA. La vita dalla terra

giovedì 28 giugno
ore 18.00
Amor Vacui presenta:
Intimità

Per la personale dedicata a Daniele Ninarello:
ore 19.00
Non (leg)azioni

Sirna/ Pol presentano:
ore 20.00
I giardini di Kensington

Per la personale dedicata a Rita Frongia:
ore 21.15
La Vecchia

ore 22.30
Compagnia Garbuggino/Ventriglia presenta:
‘O PESCE PALLA. La vita dalla terra

venerdi 29 giugno
ore 19.30
Meytal Blanaru (Israele) presenta:
Aurora

Per la personale dedicata a Daniele Ninarello:
ore 21.00
Still

Per la personale dedicata a Rita Frongia:
ore 22.00
Gin Gin

sabato 30 giugno
ore 18.00
Luca Scarlini presenta:
Se permettete parliamo di donne
 
Per la personale dedicata a Daniele Ninarello:
ore 19.30
Kudoku

ore 21.00
Meytal Blanaru (Israele) presenta:
Aurora

ore 22.00
Oscar De Summa presenta:
Soul Music – dal lato opposto

domenica 1 luglio
ore 18.30
The Ghepards presentano:
La Fanciulla con la cesta di frutta

ore 19.45
Berardi/Casolari presentano:
Amleto Take Away

ore 21.00
Habillè D’eau Silvia Rampelli presenta:
Euforia

ore 22.15
Luca Scarlini presenta:
Se permettete parliamo di donne

ore 22.15
Oscar De Summa presenta:
Soul Music – dal lato opposto

martedì 3 luglio
ore 18.00
Luca Scarlini presenta:
Se permettete parliamo di donne

ore 19.15
Alessandra Cristiani/ Marcello Sambati presentano:
Colorofilla

ore 20.00
Simone Zambell presenta:
Non ricordo

ore 21.00
Cristina Kristal Rizzo presenta:
VN Serenade

ore 22.00
Cani morti
di Jon Fosse
regia Carmelo Alù

mercoledì 4 luglio
ore 18.00
Attodue/Murmuris presentano:
Giusto la fine del mondo

ore 19.15
Cani morti
di Jon Fosse
regia Carmelo Alù

ore 20.30
Simone Zambelli presenta:
Non ricordo

ore 21.15
Sacchi di Sabbia/Massimiliano Civica presentano:
Andromaca
da Euripide

ore 22.30
Alessandra Cristiani/Marcello Sambati presentano:
Clorofilla

giovedì 5 luglio
ore 18.00
Attodue/Murmuris presentano:
Giusto la fine del mondo

ore 19.15
Frosini/Timpano presentano:
Gli sposi

ore 21.00
Silvia Pasello presenta:
Di tutti gli istanti

ore 22.15
Fortebraccio Teatro presenta:
Sei. E dunque, perché si fa meraviglia di noi?
da Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello

venerdì 6 luglio
ore 18.00
Attodue/Murmuris presentano:
Giusto la fine del mondo

ore 19.30
Fortebraccio Teatro presenta:
Sei. E dunque, perché si fa meraviglia di noi?

ore 21.00
Frosini/Timpano presentano:
Gli Sposi

sabato 7 luglio
ore 11.00
Presentazione del libro: Tempo seconda parte
della Collana I quaderni di Armunia

ore 10.30 e 11.00
Giovanna Velardi presenta:
Look me inside

ore 18.00
Silvia Pasello presenta:
Di tutti gli istanti

ore 19.00
Annamaria Ajmone presenta:
NORAMA VALLEY
(studio)

ore 19.30
Sacchi di Sabbia/Massimiliano Civica presentano:
Andromaca
da Euripide

ore 21.00
Antonella Questa presenta:
Infanzia Felice

ore 22.30
Compagnia Giovanna Velardi presenta:
Just two
Giuseppe Muscarello: GENGE’ sull’identità
Giovanna Velardi: Look me inside

domenica 8 luglio
ore 7.00 e 19.30
Annamaria Ajmone presenta:
NORAMA VALLEY
(studio)

ore 11.00 e 11.30
Giovanna Velardi presenta:
Look me inside

ore 18.00
Silvia Pasello presenta:
Di tutti gli istanti

ore 19.00
Compagnia Giovanna Velardi presenta:
Just two

ore 20.30
Sacchi di Sabbia/Massimiliano Civica presentano:
Andromaca

ore 21.45
Compagnia Rezza/Mastrella presenta:
Fratto_X

Share
Questa voce è stata pubblicata in 2018, Castiglioncello, festival&stagioni e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.